Leonardo Sangiorgi

Diplomato all’Accademia di Brera, fonda nel 1982 Studio Azzurro con Fabio Cirifino e Paolo Rosa, a cui si aggiunge poi Stefano Roveda.
Studio Azzurro è unanimemente considerato uno dei laboratori di videoarte e di sperimentazione visiva più importanti al mondo. Attraverso la realizzazione di videoambienti, ambienti sensibili e interattivi, percorsi museali, performance teatrali e film, disegnano un percorso artistico trasversale alle tradizionali discipline e formano un gruppo di lavoro aperto a differenti contributi e importanti collaborazioni.
La ricerca artistica, all’inizio, si orienta verso la realizzazione di videoambientazioni, in cui viene sperimentata l’integrazione tra immagine elettronica e ambiente fisico, perseguendo l’intento di rendere centrale lo spettatore ed i percorsi percettivi in cui è inscritto. Nel 1995 si delinea un nuovo e fondamentale interesse per le questioni dell’interattività e del multimediale, con la realizzazione di una serie di lavori definiti ambienti sensibili. 
Il confronto con i valori della memoria fa nascere un nuovo ciclo di opere, chiamato Portatori di storie, in cui viene sperimentata una forma di interattività che vede il visitatore coinvolto, con modalità fortemente partecipative, nella scoperta del territorio locale, attraverso il racconto dei suoi abitanti.


Tra i musei di recente realizzazione, il Museo del Castello di Formigine (Modena), il Museo Multimediale dell’Elettricità alla restaurata Centrale Idroelettrica di Cedegolo (Brescia), La Fortezza delle emozioni, Architetture di guerra in tempo di pace, museo realizzato all’interno del Forte Belvedere Gschwent di Lavarone (Trento), e gli Spazi Multimediali del Museo del Marmo di Carrara.
Attualmente in corso di realizzazione il Museo dell’acqua presso la fonte di Pescaia di Siena.

luglio 2016

L’arte delle nuove tecnologie e il pubblico