Dialoghi d’Arte è una rassegna di incontri sull’arte contemporanea, sul suo pubblico, sull’essere spettatori.
 
Il borgo ligure di Noli ogni anno diventa, per tre giorni d’estate, centro di cultura e dibattito sul contemporaneo attraverso conversazioni e differenti tipi di testimonianze artistiche. Scrittori, sociologi, filosofi, antropologi, critici d'arte, curatori ed artisti, a confronto creano un momento di dialogo, confronto e ricerca sullo spettatore dell’arte visiva dei nostri giorni, per ripensare il ruolo del pubblico dell’arte contemporanea e il suo percorso di fruizione.
 
Per questo, il direttore Gloria Bovio, insieme al comitato scientifico del festival, ha definito un programma di dialoghi d’arte a cui sono state invitate a partecipare intellettuali significativamente coinvolte nell’arte contemporanea.
 
Nelle tre passate edizioni il festival ha promosso il confronto tra diverse discipline: la filosofia con Tiziana Andina e Boris Groys; l’antropologia con Ivan Bargna; la sociologia con Carlo Bordoni, Nathalie Heinich, Derrick de Kerckhove; la storia dell’arte con Valerio Terraroli e Stefano Zuffi; il mondo delle istituzioni con Phil Cave, Giovanna Amadasi, Carlo Antonelli e Lorenzo Balbi, la psicologia dell’arte con Massimo Recalcati. Ogni anno le conversazioni sono arricchite dalla presenza di artisti che operano a livello internazionale: Bianco-Valente, Faiza Butt, Marta dell’Angelo, Giulia Marchi, Adrian Paci, Studio Azzurro.